In questo momento

In questo momento dovrei studiare, invece sto scrivendo un post sul blog. Ok così è messa un po’ troppo semplice, we have to go deeper.

In questo momento dovrei studiare, che è la priorità numero uno visto che tra poco ci sono gli esami; ma dovrei anche recuperare un sacco di serie tv con cui sono rimasto indietro, guardare uno dei 20 film scaricati e lasciati a marcire nella cartella download, finire di leggere un paio di libri e lavarmi. Tutte cose che rientrerebbero comunque nella categoria procrastinazione (that can’t be right, l’importante è che avete capito) ma che avrebbero comunque una qualche utilità.

In questo momento invece sto scrivendo un post sul blog, che leggeranno le solite venti persone (immaginarie) e che non avrà nessuna utilità né per me né per le solite venti persone (immaginarie). Tra l’altro è anche un post nuovo, quando nelle bozze ci sono 3 o 4 articoli lasciati a metà che non riprenderò mai e non ho voglia di cancellare del tutto. Tra l’altro a pensarci bene non sono neanche sicuro che finirò effettivamente questo post e la cosa non sarebbe affatto male: dopotutto non farei perdere tempo alle solite venti persone (immaginarie).

La questione è: secondo vuoi quanto è difficile aprire la dispensa di economia degli scambi internazionali che c’è qui da parte e studiarmi stocazzo di modello ricardiano?

– Non tanto difficile?
– Esatto… testa rasata. Chi è profuma di lillà qui?

Lo so anch’io che è facile, cristosanto, non ci vuole un cazzo a farlo. Eppure non ci riesco, mi viene la morte solo a pensare di aprila.
Ma fin qui, anche se non sembra, va tutto bene. Non passo scambi internazionali? Lo rifaccio, e lo rifaccio, e lo passo con un voto schifo e avanti il prossimo: chissenefrega. Il problema è come questo influenza tutto il resto.
Non studi? Va beh guardati un film. Eheh troppo facile, io non so come fate voi persone normali ad essere efficienti anche nel perdere tempo.
Il mio cervello funge così: Non studi? Bene, allora ti impedisco di fare qualunque altra cosa in modo da farti sentire da schifo. Fottuto cervello, ci riesce sempre.

Non credo che possiate capire veramente quanto faccia male questa cosa se non siete come me. Io di sicuro non so descrivere come ci si sente, forse non è neanche possibile farlo: il linguaggio non dovrebbe permetterlo visto che non abbiamo il diritto di lamentarci. La verità è che non voglio niente da voi, voglio solo impiegare il tempo in qualcosa.. perché se non lo faccio anche questa giornata se ne andrà e io non avrò niente che me la distingua da tutte le altre.

Fottuto cervello.

Tag:

One response to “In questo momento”

  1. L.W. says :

    Oggi ti sento particolarmente affine.
    Sostituisci la tua dispensa con il mio libro di storia della corea e ottieni lo stesso risultato.
    Un’altra inutile giornata passata nel NULLA PIU’ ASSOLUTO. Non posso nemmeno dire “ah ok però ho fatto quest’altra cosa…” no. Non posso. Dobbiamo creare un gruppo di sostegno ma anche in quel caso, chi c’ha voglia. Sstupido cervello.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: