Archivio | stewiis awards RSS for this section

Top 10 film 2012

Premesso che non ho visto tutti i film del 2012, e soprattutto ho visto veramente pochi film impegnati quest’anno (scordatevi amour, pietà, holy motors in classifica). Potrebbero esserci dei film del 2011 in giro, dipende da quando sono usciti in italia/quando li ho visti. Bene, cominciamo.

NUMBER 10

paranorman-wp-10-1024

Un film adulto, che per qualche motivo è stato fatto con la plastilina. Un film adulto e bellissimo.

NUMBER 9

Looper-Trailer-Previews

Il cult. La regola fondamentale qua dentro è che se qualcosa è figo, fottesega di tutto il resto. Looper è fighissimo.

NUMBER 8

the-cabin-in-the-woods

Decostuzione, ricostruzione, omaggio, altro… La cosa certa è che questo film è uno spasso.

NUMBER 7

raid-redemption

Gente che si fa malissimo, il film d’azione migliore degli ultimi anni.

NUMBER 6

argo-poster-header

Argo vaffanculo.

NUMBER 5

Wreck-It-Ralph

Il bello della disney è che riesce a fare il miglior film d’animazione dell’anno senza rivoluzionare niente. È un classico ed è meraviglioso.

NUMBER 4

killer-joe-poster

Un crescendo continuo fino al gran finale. Lo rivedrei anche subito.

NUMBER 3

Moonrise-Kingdom-Trailer

La bellezza.

NUMBER 2

skyfall

È il film migliore dell’anno, ma non il film dell’anno.

NUMBER 1

The-Avengers-poster

Quando in futuro ripenserò al 2012 me lo ricorderò come l’anno degli Avengers. Che figata stratosferica.

Top 10 Serie tv 2012

Velocemente  che non ho voglia di sbattimenti.

Drama

  1. Homeland
  2. Mad Men
  3. Breaking Bad
  4. Doctor Who
  5. Sons of anarchy
  6. Justified
  7. Sherlock
  8. The walking dead
  9. Fringe
  10. Game of Thrones

Mad Men è sicuramente la migliore qualitativamente ma Homeland è la mia preferita dell’anno. Breaking Bad, Doctor Who e The Walking dead pagano l’avere solo metà stagione mentre Sherlock paga il fatto di non tornare sullo schermo prima del fottuto 2014. Sons of Anarchy e Justified sono sempre molto simili e tra loro due sceglierò sempre la prima. Fringe bello ma il tipo di bello che per me non può essere in alto in classifica. Game of Thrones si salva solo per il nono episodio e perché le novità dell’anno non sono niente di speciale, altrimenti col cazzo che sarebbe in classifica. Con The Good Wife sono indietro e preferisco non metterla che metterla in classifica per quello visto nella terza stagione.

Comedy

  1. Happy Endings
  2. Community
  3. Louie
  4. Cougar Town
  5. New Girl
  6. Archer
  7. Ben And Kate
  8. 30 Rock
  9. Go On
  10. Apartment 23

Community è sicuramente la mia preferita ma Happy Endings va premiato per riuscire ad essere così bello con una struttura così classica e per la qualità media più alta di tutti. Louie ha i picchi più alti in assoluto ma la terza stagione ha avuto anche episodi troppo dimenticabili per una serie del genere. Cougar Town puccissimo, New girl paga il non aver ancora trovato un senso a Wilson (anche se Schmidt e Nick compensano alla grande). Le prime 5 posizioni sono tutte vicinissime, non rompete il cazzo. Archer è la miglior serie comedy che non guardate, ma è un attimino sotto le grandi. Ben and Kate puccissimo anche lui, paga il fatto di essere spacciata. 30 Rock è sempre uguale, bello ma anche basta. Go On fa ridere poco ma per lo meno è un dramedy fatto come si deve. La stronza nell’appartamento mi piace, ma non è neanche lontanamente bella quanto si dice in giro. No, Parks and Recreation non c’è: ormai è la noia.

BYEEE

Stewiis awards 2012

Voce fuori campo: and now live from the cameretta arena the first annual (seeee)

stewii’s awards

Hosting: well, obviously Stewii

[standing ovation mentre scendo le scale]

Grazie grazie, è un medio onore essere qui a presentare i primi e possibilmente ultimi stewii’s awards. E’ un onore soprattutto considerando le numerose celebrità che hanno deciso di unirsi a noi, voglio scusarmi per la poca accoglienza ma, in mia difesa, francamente non avrei mai pensato che questi premi potessero attirare artisti di fama internazionale già alla prima edizione. Il prossimo anno (se deciderò di tenere nuovamente questi premi) mi farò trovare più preparato, nel frattempo spero che birra e patatine vi vadano bene.

[rutto di approvazione dalle retrovie, applausi]

Molti di voi si chiederanno per quale motivo dovrebbero leggere guardare questi premi quando in giro ce ne sono già molti, più seri e soprattutto popolari. Ebbene secondo me la serietà e la popolarità non sono un pregio, bensì un difetto.  Ho creato questo riconoscimento perché sento la mancanza di un premio del genere nel panorama mondiale: un premio dato da me, scelto da me, tra candidati che decido io e per i cazzo di motivi che voglio io.

[altri applausi]

Grazie, ora passiamo alle cose serie. Bisogna essere sinceri non è stato un grande anno questo 2011 per il cinema. Solitamente nelle premiazioni, comunque sia andato l’anno cinematografico, lo si elogia sempre con un numero musicale. Non avrete niente di tutto ciò qui, niente ipocrisia: quest’anno è stato discreto e non lo nascondiamo. Capita: il 2010 era stato figo, il 2012 si prospetta figherrimo, il 2011 è il solito anno in mezzo in cui c’è poco di rilevante.
Il nostro compito oggi è trovare ciò che è rilevante, ciò che non solo si salva confronto a stronzate ambientate alle Hawaii ma che è legittimamente bello anche se fosse capitato in un anno con più concorrenza.
E visto che vi conosco e so che altrimenti ci rimarreste male, introdurrò tutto con un numero musicale.

numero musicale stewiis awards 2012

Ovviamente non ho visto tutti i film che dovrei vedere, ma negli Stewii’s awards non serve. Senza ulteriori indugi passiamo alle premiazioni, che si terranno in forma descrittiva con ordine casuale.

Partirei dai migliori attori non protagonisti: devo dire che ci ho messo un po’ per trovarli, quest’anno c’è una qualità media buona ma nessuno che spicchi veramente confronto agli altri. Vengono anche da due film molto diversi tra loro: uno, Warrior, più onesto nel suo scopo e che colpisce, un po’ come Tom Hardy nel film, duro; l’altro, The Help, molto più paraculo e meno riuscito in generale. Ma hanno in comune l’essere film emotivi e questo ho cercato nel decidere. Il miglior attore non protagonista è Nick Nolte, poco da dire su di lui, veramente bravo; mentre la miglior attrice non protagonista è Jessica Chastain, perché si: per quanto mi riguarda è grazie a lei che The Help è sì un polpettone, ma è uno dei quei polpettoni che quando la professoressa di lettere ti costringe a guardarlo almeno non ti addormenti. E questo senza essere né la nera triste né la nera simpa che caga nelle torte altrui.

Il miglior film d’animazione è Rango, in quanto l’unico film che avrebbe comunque qualcosa da dire se in gara ci fosse anche un film pixar (cars 2 non conta, andiamo).
Il miglior 3D lo vince Hugo, nonostante la storia lascia a desiderare è l’unico uso del 3D che ho visto finora che aumenta incredibilmente la bellezza del film. Non è solo una questione estetica ma di scopo: Scorsese voleva far tornare lo spettatore al cinema e farlo stupire veramente di quello che vede, beh ci è riuscito.
Migliori effetti speciali lo vince Transformers 3: basta la scena della caduta del grattacielo per farlo vincere senza discussioni. Non c’è niente da fare per quanto riguarda l’azione Michael Bay è avanti 10 anni (per tutto il resto è indietro di 20).
Miglior colonna sonora è quella dei Muppets e la miglior canzone è una qualunque traccia della colonna sonora dei Muppets, chi ha visto il film non ha bisogno di spiegazioni. Con chi non l’ha visto io NON CI PARLO.

Miglior sceneggiatura vince Midnight in Paris: è geniale, pagherei per poter essere in grado di pensare a cose del genere. Non distinguo originale e non originale per il semplice fatto che non ho voglia di vedere quali sono adattati ma non cambierebbe comunque il risultato.

Miglior Regista è Nicolas Winding Refn: se Drive è un capolavoro è tutto merito suo che ha preso un film normale e gli ha dato una personalità tale da far sfigurare film molto più interessanti in tutti gli aspetti (tra cui il Midnight in Paris con la sceneggiatura geniale).

Miglior attrice  protagonista è Michelle Williams. Ci è andata vicino Rooney Mara, il dvdscr di My Week With Marilyn è uscito solo lunedì, ma probabilmente glielo avrei dato comunque sulla fiducia. La verità è che fare la ragazza con il tatuaggio del drago è difficile, ma devi solo essere il più estrema possibile. Fare Marilyn invece devi bilanciare un sacco di cose: essere sexy, ingenua, fragile, recitare  nel film del film (we have to go deeper) come farebbe la vera Marilyn. La Williams ha spaccato in tutto. Ah, e vince anche il miglior gnocca.

Miglior attore protagonista è stato più difficile ma alla fine ho deciso di fare il banale e darlo a Jean Dujardin. Ho deciso in base a qual’era l’interpretazione che ha veramente fatto la differenza nella bellezza del film, e senza la sua The Artist probabilmente non avrebbe fatto così parlare di sé. Ci sono andati vicino comunque sia Gosling che Fassbender, entrambi bravissimi ma che hanno solo dato quel qualcosa in più e non la base per il film.

leonardo di caprio is not amused

leonardo di caprio is not amused

Infine il miglior film, e qui non ci sono sorprese: Drive, l’ho detto e lo ripeto, è l’unico capolavoro della stagione. Può non piacere, lo capisco, ma se non ci fosse stato lui probabilmente non l’avrei neanche assegnato questo premio. E’ veramente l’unico che spicca tra gli altri.

Qualunque premio non espressamente citato va a The Muppets (si, qualunque.. anche boh, miglior fotografia).

E’ stato un piacere avere presentato gli Stewii’s awards, all’anno prossimo (forse). Conferenza stampa per le domande nei commenti.